Chi Sono

“Salve

Mi chiamo Marco Chinicò. Come personaggio sono molto anomalo e, a dirla tutta, non conosciuto dagli ambienti d’élite del giornalismo italiano”. Con questa frase, ripescata e rispolverata oggi, nel lontano 16 settembre 2011 inaugurai la mia finestra professionale.

Chinics News. Un sito d’informazione che per lunghi 6 anni, dal 16 settembre 2011 fino al 01 ottobre 2017, ha voluto raccontare i principali fatti dall’Italia e dal resto del mondo. Dopo un periodo di prove tecniche e sperimentazioni, focalizzando il mio occhio sulle notizie di natura generale, le news “nascoste” ovvero le vicende che solitamente hanno meno spazio sui principali quotidiani nazionali, sono state il mio cavallo di battaglia.

Il tutto è durato, senza alcun problema o ostacolo di sorta, fino alla metà di agosto 2016. Il 15 agosto di tre anni, durante una calda, soleggiata giornata di Ferragosto, l’amara sorpresa e l’inizio dei miei problemi. Un inspiegabile attacco di hackeraggio, decise di colpire alcune mie pagine non permettendomi così la pubblicazione di articoli nelle rubriche Attualità, Economia, Cultura & Spettacolo, e Sport. Fui costretto, malvolentieri, a cancellare più di un centinaio di articoli, colpiti ed infettati dal virus. Grazie all’aiuto del mio webmaster di fiducia, fortunatamente il problema fu risolto sotto l’aspetto tecnico ed il mio portale regolarmente ripristinato ed in funzione. Tutto questo, però, mi costò caro!

Un mese e mezzo dopo, fui incredibilmente silurato dal programma di advertising online. Fattaccio che mi ha tagliato la mente e le gambe. Cinque anni di lavoro, con introiti pubblicitari in fase di crescita che, nel giro di pochissimo tempo, sono andati letteralmente in fumo. Lo sconforto fu talmente tanto che il 02 ottobre 2017, poco più di due anni fa, decisi di scrivere e pubblicare il mio ultimo pezzo, cessando così le pubblicazioni.

Fermarmi a riflettere, capire cosa fosse successo, in particolare il perchè e il come, è stato un passo obbligato. Ho cercato, rivolgendomi anche a consulenti informatici molto esperti, una soluzione a questo grosso problema. Quando capiì che, di fronte al forte potere dei colossi del web c’era ben poco da fare, ho gettato la spugna. Scrivere trasmette belle emozioni e sensazioni. Farlo a lungo, senza ricavarne il minimo profitto, è triste, a dir poco deleterio e trasmette rabbia, sconforto, infinita frustrazione. Fui costretto, anche, a cancellare il mio primo canale YouTube. Finestra d’informazione secondaria che stava crescendo, complice un’informazione di qualità e la possibilità di interpellare, in occasione dell’edizione 2013 del Salone Internazionale del Libro di Torino, personaggi di spicco del calibro di Paolo Crepet, Catena Fiorello, Paolo Mieli, Roberto Giacobbo, Massimo Gramellini, Philippe D’Averio, l’attore Gigi Proietti etc.

Con il congedo forzato, mi son buttato a capofitto nel mio lavoro che, da quasi 12 anni, svolgo da freelance con diverse redazioni giornalistiche. Dopo più di un anno e mezzo di silenzio totale da parte mia, tanto lavoro ed un percorso di formazione molto importante che ho svolto per lunghi nove mesi, fino al 23 febbraio scorso, ho capito che non è giusto farsi stroncare definitivamente dai grossi ostacoli che, come avviene in quasi tutte le professioni, sul più bello si presentano.

Lottare sempre, arrendersi mai. D’ora in avanti questo sarà il mio personale motto. Dopo il lungo letargo, lentamente, si ricomincia. Più convinto di prima, con un bagaglio di maggiori esperienze, competenze e, perché no? anche di errori o superficialità che, seppur commessi, ti aiutano a maturare e migliorarti. Soprattutto, aspetto ancora più importante, mi sono ripreso e con gli interessi quanto perso. Ho dovuto rifare il sito e cambiare dominio: un po’ costa, ma se cambiare serve a riavere quanto, ingiustamente, perso allora ben venga.

Chinics News, seppur con indirizzo web diverso, riprende il suo cammino e inizia la sua nuova era. Cosa cambia? Cambiano diversi aspetti, rispetto alla precedente edizione. Le novità? Entrate, cliccate e le scoprirete!

Buona visione e lettura a tutti/tutte

Con simpatia

MARCO CHINICO’