Io apro”. Questo lo slogan di diversi esercenti di attività commerciali e imprenditori che, oggi pomeriggio a Roma, hanno protestato contro i provvedimenti del Governo Draghi che impongono continue restrizioni e non danno risposte certe sulla piena ripresa di attività commerciali, esercizi di ristorazione, e diverse altre attività imprenditoriali, seriamente danneggiate dalla pandemia, Covid-19.

Il summit si svolge vicino Palazzo Chigi, nei pressi di Piazza San Silvestro. Diversi esponenti politici, a cominciare dalle forze di opposizione, spingono per una ragionevole, ma al tempo stesso repentina riapertura. La ripresa dell’economia sta a cuore a tutti e riprendere tutte le attività è fondamentale per far funzionare una macchina economica, ancora sofferente e in pieno affanno.

Roma, “Io apro”: summit imprenditori ed esercenti attività in Piazza San Silvestro 


Foto: Fabrizio Marrazzo, portavoce Partito Gay per i diritti LGBT+ Solidale Ambientalista Liberale
Roma, “Io apro”: summit imprenditori ed esercenti attività in Piazza San Silvestro
Foto: Fabrizio Marrazzo, portavoce Partito Gay per i diritti LGBT+ Solidale Ambientalista Liberale

Ne è convinto di questo anche Fabrizio Marrazzo, portavoce Partito Gay per i diritti LGBT+ Solidale Ambientalista Liberale il quale, però, senza giri di parole sottolinea anche come, nell’attesa dell’immunità di gregge, sia necessario riavviare pian piano il tutto, tenendo però sotto controllo la linea dei contagi. Questo può avvenire, come lui stesso precisa, solo con un’accurata opera di tracciamento: stiamo sentendo solo slogan, serve che il Governo predisponga un piano serio di tracciamento dei contagi partendo dalle scuole, senza il quale si rischia di far risalire le infezioni e richiudere tutto. Piano di tracciamento del quale al momento non risulta neanche previsto. Per gestire la richiesta delle riaperture diffuse serve un monitoraggio dei contagi serve un sistema diffuso di tracciamento rapido e gratuito dei tamponi. Come stanno predisponendo in altri paesi, dove i cittadini dovranno farsi più volte a settimana il tampone per accedere a determinate attività. Nel tracciamento non va dimentica la scuola che vede milioni di studenti ritornare nelle classi. In questo modo si darebbe la possibilità a tutti, in attesa di raggiungere l’immunità di gregge attraverso la vaccinazione, di tenere sotto controllo il proprio stato di salute a tutela personale e degli altri cittadini”.

Di Marco Chinicò

Marco Chinicò, 42 anni, giornalista pubblicista, fotogiornalista e videoproducer. Fondatore e responsabile della testata d'informazione giornalistica, CHINICS NEWS. Nata nel 2011, online fino al 03 luglio 2019. Oggi è CHINICS NEWS MAGAZINE